Puoi ancora fidarti dei toner rigenerati?

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

PUOI ANCORA FIDARTI DEI TONER RIGENERATI?

Chi non ha mai provato una cartuccia ricaricata alzi la mano!
Poco o tanto tutti abbiamo provato a stampare almeno una volta con uno dei toner rigenerati in commercio. In molti abbiamo ceduto alla tentazione di risparmiare “fino all’80%” (questa è infatti la promesse dei venditori di cartucce) sperando di stampare davvero le stesse pagine che si fanno con originali, contribuendo a salvare l’ambiente.

Ma nella realtà è tutto così?
Lo scoprirai più avanti se continuerai a leggere.

Prima voglio fare un passo indietro, un salto di 16 anni, andando al 2000 l’anno di svolta, di inizio secolo. Il 2000 fu l’anno in cui apparirono i primi computer per il grande pubblico e notebook a prezzi accessibili. Come il mio primo Acer portatile da 12,1” a matrice attiva, con lettore CD (senza masterizzatore) e 64 MB di ram, costato 3.000.000 di vecchie lire!

Insieme ai PC e notebook che iniziavano a riempire gli scaffali dei centri commerciali, arrivarono pure le prime stampanti a colori “ink-Jet” – a getto d’inchiostro – che molto presto avrebbero invaso milioni di case in tutto il paese.

La mia prima stampante fu una Epson Stylus Color 580, una inkjet compatta con due cartucce separate, pagata circa 200.000 lire.
Quando stampava non si sentiva neanche. Sembrava un oggetto venuto dal futuro, una specie di navicella spaziale con ila cavo USB.
Finite le prime cartucce scoprii velocemente che per sostituirle avrei dovuto spendere 90.000 lire, quindi provai con due ricaricate, spendendo meno della metà. Il risultato però fu più che deludente: stampe sbiadite, fogli a strisce e breve durata.

Ricordo bene le parole di mio padre : “Chi poco spende poco ottiene!”.
Morale della favola, la mia prima esperienza con le cartucce ricaricate fu: ‘na vera schifezza!

Non avevo ancora idea di cosa mi attendeva da lì a poco. Ancora non avevo idea di cosa fossero i toner rigenerati.

Fino al 2006 circa, la “rigenerazione di cartucce per stampanti” era una fra le attività più pubblicizzate del momento.
Ricordo ancora la pubblicità alla radio, sui giornali, in televisione: ”Apri il tuo centro di rigenerazione di cartucce per stampanti (compreso toner rigenerati), questa è l’attività del momento che cambierà la tua vita!”.

Era il momento di cavalcare l’onda. Le aziende che facevano i toner rigenerati spuntavano come funghi tutti i giorni.
Tutti prevedevano una “grande esplosione” del business da lì a poco. In effetti l’esplosione non tardò ad arrivare: “Centinaia di aziende, negozi, rivenditori di cartucce per stampanti chiusero i battenti”.

Ricordo che a Pistoia, nella mia città, in un solo anno di attività ci fu un’azienda che con i toner rigenerati riuscì a prendere commesse milionarie dalle più grandi strutture locali. Lì dove tutti i giorni stampavano migliaia di pagine: scuole, banche, camera di commercio, uffici comunali, ecc. Peccato però che nello stesso periodo però riuscì a creare così tanti casini da dovere chiudere l’attività dopo neanche 15 mesi!

Quando arrivai io trovai una piazza devastata, con un malcontento così diffuso che dovetti rimboccare le maniche più volte prima di riportare un po’ di fiducia in quel settore quasi del tutto bruciato.

Cosa era successo realmente?
Molto semplicemente non avevano rispettato la parola data con i propri clienti. Promettevano di fare risparmiare più del 50% dei soldi con i toner rigenerati, ma la verità era un’altra: avevano creato una quantità di problemi che la metà sarebbe bastata.

I TONER RIGENERATI E LA LORO REPUTAZIONE

Ancora oggi sono in molti a scrivermi: “Ma possiamo fidarci dei toner rigenerati?”.


 

CHIAMA IL NUMERO VERDE: 800.98.53.33


In Comune non volevano nemmeno sentire parlare della parola “cartucce rigenerate”, i dipendenti le buttavano nella pattumiera ancora prima di aprirle.

Ecco cosa accade quando per aumentare i margini RISPARMI sulla qualità dei ricambi e utilizzi una PESSIMA polvere di toner. A nessuno viene in mente che il “cliente finale” potrebbe avere qualche problema con le stampanti?

Cosa voglio dire con questo?
Semplicemente che si trattava di un’altra “attività del momento”, che la maggior parte delle persone avevo pensato di iniziare per fare fortuna, tipo come per gli allevamenti di struzzi o le piantagioni di canna da zucchero, per non parlare delle sigarette elettroniche…

Ti starai chiedendo quale è il punto, te lo dico subito.

Fino a quando il motore di questo business sarà quello di fare “soldi facili” aumentando i margini a qualunque costo, allora non ci sarà modo di riscattare la brutta reputazione dei toner rigenerati e di tutto il settore.

Ancora oggi mi continuano a proporre cartucce a “due lire”, che poi dovrei rivendere ai miei clienti per fare “grandi” profitti. Ma sai qual è la verità? Si tratta solo di una grande quantità di spazzatura, nient’altro!

Dopo il 2006 in Italia iniziò il calo drastico dei toner rigenerati, Fu allora che apparirono apparirono i primi toner compatibili: la salvezza degli ex rigeneratori di cartucce toner.
Perché dico questo?
Semplicemente perché si tratta di copie ILLEGALI di cartucce originali, che vengono importati dalla Cina come “prodotti riciclati” (o toner rigenerati) senza alcun tipo di autorizzazione.

Il messaggio per i rivenditori è molto semplice: “Approfitta di questa grandissima occasione per FREGARE i tuoi clienti, tanto lo fanno tutti… in Italia si sa, funziona così; perché non dovresti farlo anche tu e metterti almeno qualche soldino in tasca?”.

Sono tantissime le aziende (anche italiane) che hanno spostato la loro produzione in Cina, con lo scopo di abbattere i costi di produzione insostenibili in Italia, non per questo hanno abbassato gli standard qualitativi, anzi. Questo dimostra che è possibile (o sarebbe possibile) anche nel settore delle cartucce per stampanti, produrre dei prodotti con standard qualitativi elevati, rispettando soprattutto i brevetti dei rispettivi proprietari/produttori di toner originali.

Niente contro “i cinesi” come “persone o popolazione”, ci mancherebbe, e non smetterò di ripeterlo abbastanza.

Ma torniamo alla domanda iniziale:“Puoi ancora fidarti dei toner rigenerati?”

La risposta è: dipende.

Sì, ma solo se:

  1. Si tratta realmente di cartucce toner provenienti dalla “rigenerazione”; non devono avere la scritta “Made in China”;
  2. Si tratta di cartucce di cui ti viene rilasciata regolare Scheda di Sicurezza in italiano + Scheda Tecnica;
  3. Si tratta di prodotti la cui confezione ha un’etichetta “parlante”, in cui si evince chiaramente il nome del Produttore/Rivenditore autorizzato con relativo indirizzo, numero di telefono, ecc.

Sono in molti a dirmi: “ Ma non ti conveniva andare in Cina e farti fare tutti i toner che volevi a 2,5 euro cadauno?”.

La mia risposta è NO! Le furbate devono finire, NON voglio essere complice della vendita di RIFIUTI INFORMATICI come quelli che hanno riempito il web!

Il prezzo eccessivamente basso è di per se sinonimo di bassa qualità, di poca trasparenza. Quotidianamente riceviamo listini dalla Cina da parte di tantissimi commerciali, con offerte apparentemente allettanti, ma che non ci danno la sicurezza della produzione e della garanzia a cliente utilizzatore finale.

Voglio farti un esempio concreto: se una cartuccia toner originale Lexmark 52d2x00 da 45.000 pagine (compatibile con le stampanti Lexmark MS811dn, MS812dn) costa €530,00 euro e quella compatibile la trovi a 79,00 euro, pensi ci possa essere qualche lieve differenza?

==> Scopri il relativo toner KRAKEN® QUI

Te lo dico io: assolutamente sì!

Sono gli stessi toner compatibili che graffiano i tamburi alla velocità della luce, anche se apparentemente pare funzionino bene. Sono le stesse cartucce toner che usurano il rullo fusore in pochissimo tempo, costringendoti a sostituirlo molto prima della durata prospettata. Sono infine le stesse cartucce che quando stampi emanano un’odore insopportabile e che piantano la macchina improvvisamente per un problema al chip.

C’è una frase che mi accompagna da diversi anni in questa attività:

“Può darsi che non siate responsabili
per la situazione in cui vi trovate,
ma lo diventerete se non fate
nulla per cambiarla.”
Martin Luter King

TONER RIGENERATI O TONER COMPATIBILI CHE NON RISPETTANO I BREVETTI?

Ho passato gli ultimi quattro anni della mia vita ad analizzare i difetti dei toner rigenerati e a trovare delle soluzioni concrete, con le parole di Martin Luter King che martellavano la mia testa.
Insieme ad i miei colleghi abbiamo cercato senza alcuna sosta un modo per stampare meglio e di più con la stessa cartuccia di toner e non ci siamo fermati fino a quando non abbiamo trovato la soluzione.

Abbiamo cercato i migliori ricambi possibili in ogni parte del mondo. Alla fine li abbiamo trovati negli Stati Uniti d’America oltre che in Europa, con tutte le certificazioni a norma europea.
Non essendo ancora soddisfatti abbiamo voluto essere sicuri che ogni singolo ricambio rispettasse i brevetti depositati dai rispettivi produttori di toner e stampanti originali.
Vai a dirlo agli importatori di toner cinesi!

A noi NON piacciono le scorciatoie .

Abbiamo cercato le migliori polveri di toner specifiche per ogni modello di stampante, perché giocare con la salute delle persone NON è uno sport che amiamo fare.

Avremmo potuto chiuder un occhio più volte, utilizzando materia prima più a “buon mercato”, ma non lo abbiamo fatto perché lavorare con etica fa parte del nostro modo di essere, costi quel che costi.

Ma per riuscire a fare la differenza con le nostre cartucce di toner, dovevamo dare “qualcosa di più” ai nostri clienti, qualcosa che gli altri la fuori NON danno nemmeno a pagamento.

Così abbiamo creato l’unica speciale Garanzia Senza Riserve: 
chiunque, dopo avere provato una cartuccia di toner Kraken® non resta soddisfatto per un qualsiasi motivo, ha 30 giorni di tempo per restituirla indietro, anche se finita e consumata del tutto.

In questo modo ci siamo accollati tutti i rischi dei nostri potenziali clienti, lasciando a loro il 100% della sicurezza.

Abbiamo investito davvero tante risorse economiche per evitare di prendere la “strada più veloce”, tipo quella dei toner low cost cinesi. Se esistessero dei toner compatibili prodotti in Cina che rispondessero al 100% a tutti gli standard qualitativi che abbiamo raggiunto con KRAKEN® oggi, compreso il rispetto per i brevetti dei produttori di originali, allora li avremmo potuti tenere anche in considerazione, ma fin dall’inizio la nostra politica aziendale è stata quella di rimanere in Italia e in Europa.

Lo abbiamo fatto perché vogliamo fare la differenza fino in fondo e crediamo che per conquistare la fiducia dei nostri clienti è necessario prima di tutto: dare in modo incondizionato.

Adesso sai sicuramente molte più cose del mondo dei toner e puoi essere in grado di decidere cosa scegliere.

Kraken® è il toner rigenerato originale.

Lascia il tuo commento sotto!

Salvatore Cilia

 

Salvatore Cilia

Salvatore Cilia

Imprenditore pistoiese, da oltre 15 anni si occupa di stampa digitale e produzione di cartucce toner per stampanti laser, creatore di KRAKEN® il toner rigenerato.

Lascia un commento

Iscriviti alla Newsletter e ricevi le nostre promo

Vuoi stampare il 37% di più grazie al nuovo toner Kraken e pagarlo il 15% in meno?