Stampanti Laser: ecco le 3 mosse da fare per scegliere quelle giuste, senza farsi male.

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

 

Le stampanti laser sono le migliori per uso lavorativo: Vero o Falso?

Che le stampanti laser siano indispensabili negli uffici non è più una novità per nessuno, ma è vero che sono le “uniche” da potere utilizzare per lavoro? Molti parlano di stampanti ink-jet, a cera, ad aghi, ecc. qual è la verità?
Sicuramente è necessario fare un po’ di chiarezza.

Ti chiedo un solo favore, di lasciare il tuo commento o le tue domande alla fine di questo articolo, grazie 🙂

DOMANDE:

  1. Nel tuo ufficio usi le stampanti inkjet per i tuoi documenti?
  2. Ti è capitato di stampare documenti in “bianco e nero” con una stampante a colori?

Se hai risposto di “Sì” ad almeno una delle due domande, allora ti conviene continuare a leggere sotto!

Ti sto per chiedere un favore.

Prima di spendere un solo euro nell’acquisto delle tue nuove stampanti laser per l’ufficio, fermati a leggere sotto!

Se non lo farai rischierai di “bruciare” inutilmente buona parte del tuo budget aziendale.

Ti basteranno 3 minuti scarsi per leggere con attenzione quello che ho scritto oggi. …se in questo momento non ne hai proprio il tempo allora ti consiglio di ritornarci, magari quando avrai un po’ più calma.

Il tempo è denaro anche per me che ho deciso di metterne da parte un po’ per scrivere queste informazioni – a mio parere – INDISPENSABILI per un professionista o un imprenditore che NON lavora per beneficenza.

Vado dritto al punto.

  • Niente giri di parole;
  • Niente sviolinate;
  • Niente chiacchiere.

Per questo ho pensato di darti 3 semplici regole che ti aiuteranno con la gestione delle tue stampanti laser dell’ufficio – che già hai o dovrai acquistare in futuro.

ATTENZIONE!!

Non voglio venderti niente! Non in questo post almeno 😉

Ecco “Le 3 Regole d’oro” da seguire quando scegli le nuove Stampanti Laser per l’ufficio

 

REGOLA N. 1

Le stampe monocromatiche vanno fatte con stampanti laser monocromatiche

Se devi stampare in bianco e nero il 90% dei tuoi documenti, NON acquistare/usare una stampante a colori, MAI!!

Le stampanti laser a colori sono molto più costose rispetto a quelle monocromatiche, prendi per buona questa mia affermazione.

Non sto parlando solo della stampante in se, bensì del costo di cartucce toner e ricambi vari che seguiranno.

Di quanto “più costose”?

Da 2 a 8 volte! NO, non sto esagerando.

Ogni volta che stampi un foglio in bianco e nero con una stampante laser a colori stai SPRECANDO tutti e 4 i colori, anche se la imposti con “scala di grigi”!

Semplicemente perché la maggior parte delle stampanti a colori sono settate dalla fabbrica per CONSUMARE i colori anche quando stampi in bianco/nero.

Questo è valido per il 99% delle stampanti laser a colori sul mercato.

Quindi se per stampare 2.000 pagine spenderesti 80 euro con una cartuccia toner nera originale (installata su una stampante monocromatica), per fare le stesse 2.000 stampe bianco/nero con una stampante laser a colori, ne spenderesti almeno il doppio, dipende dal modello di stampante in uso.

Ma molte stampanti arrivano addirittura a farti spendere 8 volte di più, considerando i vari ricambi che si usurano contemporaneamente.

  • Cartucce toner;
  • Tamburi ;
  • Cighia/tappeto di trasferimento;
  • Vaschette di recupero toner di scarto.

Ti ha mai detto qualcosa di simile il tuo rivenditore di fiducia?

REGOLA N.2

Scegli una stampante laser “mono-componente”

STAMPANTI LASER MONO-COMPONENTE

Cosa significa “mono-componente”?
Te lo spiego subito, è molto semplice.

In sostanza, meni ricambi consumabili avrai da sostituire, meno ti costerà mantenerla!

Ti faccio un esempio:

se devi acquistare una stampante laser a colori, scegline una che abbia le cartucce toner con tamburo integrato, ti assicuro che non devi imparare altro 🙂

Un buon esempio è dato dalle stampanti laser HP, oppure Canon, che oltre ad essere delle ottime macchine da ufficio, nella stragrande maggioranza (escluso quelle più piccole per uso domestico) hanno le cartucce con tamburi o drum integrati.

Ti assicuro che se vai al centro commerciale a chiedere queste informazioni, prima ti guarderanno un po’ male e dopo chiameranno il loro superiore per mandarti via!

Io ti ho messo in guardia 😉

La “regola n. 2” è valida principalmente per le stampanti laser a colori, per quelle monocromatiche puoi sceglierne anche una con tamburo separato, purché fra:

Cartuccia Toner Bi-Componente – Kraken® toner originale rigenerato

REGOLA N. 3

NON usare una stampante ink-jet per le stampe in ufficio, a meno che non si tratti di una macchina business.

Se usi la stampante per lavoro, devi avere una macchina che sia sempre pronta e funzionante ogni qual volta tu ne abbia necessità. Per questo motivo le stampanti inkjet non sono adatte al tuo business.

E’ vero che oggi ce ne sono di più evolute, con cartucce molto capienti ed economiche, ma ti ricordo la prima regola: “LE STAMPE MONOCROMATICHE VANNO FATTE CON STAMPANTI LASER MONOCROMATICHE”.

E’ una questione di affidabilità che dipende dalla tecnologia della stampante stessa.

Le ink-jet infatti sono soggette a numerosi malfunzionamenti, causati dall’inchiostro che si asciuga facilmente sulle testine, provocando continue otturazioni e quindi una cattiva qualità di stampa.


E sai cosa succede nella pratica?
Che quel giorno in cui hai urgenza di avere i tuoi documenti in mano alla velocità della luce, la tua stampante invece decide di non rispondere ai tuoi comandi, iniziando a fare delle strisce inguardabili!

E’ in momenti come quelli che può venire voglia di abbattere una parete a “colpi di testa”:)

Non ho alcun interesse a consigliarti una cosa per un’altra. Dopo tantissimi test e prove sul campo, semplicemente è venuto fuori questo “terzo consiglio gratis” 😉

In generale tutte le stampanti ink-jet hanno questi problemi:

  • blocco testine e ugelli di stampa;
  • prosciugamento anticipato dell’inchiostro;
  • scarsa tenuta nel tempo dei fogli stampati (l’inchiostro si cancella facilmente col passare del tempo).

Infine, il costo per pagina stampata è normalmente molto più alto con una ink-jet, va infatti a consumare anche i colori per stampare il nero.

“Si ma io non ho bisogno delle stampanti laser, uso le cartucce compatibili e risolvo il problema!”

posto che ognuno è libero di fare ciò che vuole, se sei tra quelli che la pensano in questo modo ti consiglio di leggere questo articolo specifico: CLICCA QUI

Chi invece usa quotidianamente una stampante per lavoro, non vuole ulteriori scocciature con gli inchiostri o le testine che si bloccano: pensare di stampare già 3.000 pagine in un mese con una inkjet è roba da “ulcera”.

Hai dei dubbi sulla scelta delle stampanti laser per il tuo ufficio?

Scrivi la tua domanda tra i commenti di sotto 😉

Buona stampa!

Salvatore Cilia

Salvatore Cilia

Imprenditore pistoiese, da oltre 15 anni si occupa di stampa digitale e produzione di cartucce toner per stampanti laser, creatore di KRAKEN® il toner rigenerato.

Lascia un commento

Iscriviti alla Newsletter e ricevi le nostre promo

Vuoi risparmiare il 10% sul primo ordine?